gototopgototop

lettera aperta a tutti gli associati FKBM di Roberto Fragale

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail
(2 voti, media 5.00 di 5)

fragale roberto Roberto Fragale

consigliere Nazionale e Presidente settore Muay Thai FIBKM

Sono sempre ottimista e rivolto al futuro, credendo quindi nella migliore delle ipotesi, che il Presidente abbia sicuramente mal interpretato la mia posizione ed intenzioni, a causa dell' intervista rilasciata sull'argomento delle prossime elezioni Federali, vorrei (per legittimo diritto di replica) serenamente rispondere alla sua lettera aperta, indirizzata a tutti gli associati FIKBMS, per riuscire a chiarire meglio a tutti loro il mio pensiero sull'argomento e rispondere doverosamente a quelle che non vorrei potessero essere ritenute come ingiuste accuse nei miei confronti e che proprio per questo potrebbero scatenare ulteriori inutili, quanto dannose polemiche e stupide divisioni, soprattutto per l'immagine della Federazione stessa. Tutto questo per far finalmente comprendere a tutti gli Associati che io non sono "contro" il Presidente... ma che siamo tutti "per" la Federazione.

IL PRESIDENTE DICE ABBIAMO APERTO LA CAMPAGNA ELETTORALE

Egr. sig. Presidente, veramente per essere corretti e precisi, Le faccio notare che la campagna elettorale l'ha aperta solo Lei fino a questo momento, con la sua comunicazione ufficiale in cui annuncia la sua 3° candidatura, addirittura pubblicata sul sito federale, in cui ha espresso le sue buone intenzioni ma che da più parti c e' chi le ha definite come "demagogiche promesse elettorali" , visto altro non sono che una parte di ciò che da sempre le chiediamo in Consiglio e che Lei ci ha sempre rifiutato... ma ben vengano le buone intenzioni di trasparente democrazia, di deleghe e autonomie dei settori, anche se ancora e sempre gli stessi potrebbero domandarsi perché non sia stato fatto prima e invece lo si promette ancora adesso.

IL PRESIDENTE DICHIARA: "MI ACCUSANO DI ESSERMI ACCORDATO CON IL COMMISSARIO AD ACTA..."

Faccio cortesemente notare a tutti che Lei sig. Presidente, non è stato accusato da nessuno di tutto questo, se forse lo ha voluto intendere in quel modo, un motivo certamente lo avrà avuto. Quindi la pregherei di non mettere in bocca alle persone cose che forse teme, ma che non sono mai uscite... è vero però che a Lei abbiamo chiesto più volte di vedere la "lettera di incarico" che a nome del Consiglio, ci ha detto ha inviato al Commissario ad Acta... e non lo ha fatto; proprio per consentirle di fare questo, Lei ci aveva assicurato per scritto che le modifiche avrebbero dovuto essere alcune piccole insignificanti e "NON STRUTTURALI "ed invece sono risultate ben altre... sempre a Lei abbiamo chiesto di voler vedere immediatamente le modifiche allo statuto apportate dal Commissario ad Acta... e non ce la ha volute far vedere (le ha strappate dalle mani del Consigliere Di Blasi in un eccesso di ira e facendolo quasi cadere dalla sedia, con nostra sorpresa ed estremo disappunto) allora se solo per queste domande Lei si è sentito attaccare ed accusare...

Bastava solamente che rispondesse alle semplici e legittime richieste dei suoi Consiglieri, invece di giustificare il fatto di non volerlo fare per il motivo di essere per questo impunemente e vergognosamente attaccato. Ovvio che non ha niente da nascondere, ma credo Lei debba rispondere per la sua carica davanti alle richieste del Consiglio, espressione della libertà e diritti di tutti gli Associati.

IL TERZO MANDATO DEL PRESIDENTE E' ORA POSSIBILE?

Lei afferma che ci siamo sbagliati, tanto che... non è forse stato necessario "modificare" quella norma dello Statuto federale per poter confermare la sua ennesima candidatura?

Dunque, come sono andate le cose?

Secondo il vecchio statuto (che poi a mio avviso sarebbe ancora quello attuale, perché il nuovo non è stato ancora presentato all'Assemblea Generale, votato e accettato) il Presidente dura in carica 4 anni ed è eleggibile per due mandati completi consecutivi. È eleggibile per il terzo mandato solo in caso uno dei due mandati precedenti sia durato meno di due anni e un giorno. Proprio e solo in questo ultimo caso, il Presidente uscente si può presentare per il terzo mandato e dovrà ricevere il 55% per cento dei voti...

Quindi non eravamo noi che dicevamo che lei NON si può candidare per il terzo mandato consecutivo, è lo statuto precedente all'ultima modifica, che lo dice chiaramente. Sembra la stessa cosa ma è molto differente.

Se il Presidente era così convinto che fosse rieleggibile... perchè nel nuovo statuto è stato necessario intervenire "in deroga" proprio a quella precisa norma... se anche con il vecchio statuto la sua terza candidatura era sicura?

Questo mi induce a dedurre che... prima NON era candidabile.. e adesso invece si...

Così, Le abbiamo chiesto di essere messi a conoscenza del fatto che: gliel'ha chiesta Lei la specifica modifica in questione... o lo ha modificato il Commissario ad Acta di sua iniziativa perché espressamente obbligato dal Coni anche in questo?

Quindi, per appurare ciò, le abbiamo chiesto di farci vedere la "lettera di incarico" che Lei ha

mandato al Commissario ad Acta a nome del Consiglio per agire sullo statuto e ad oggi non ce l'ha ancora mostrata... Le abbiamo chiesto di avere una spiegazione direttamente dal Commissario ad Acta a queste nostre domande e Lei non ce l'ha fornita...

Non siamo noi ad accusarla sig. Presidente, ma Lei a sentirsi accusato dalle nostre richieste di trasparenza, tanto da non rispondere a quelli che credo fermamente dovrebbero essere i nostri diritti e suoi doveri. Sembra la stessa cosa ma è profondamente diverso.

IL DIRITTO AD AVERE RISPOSTE

Scusi la leggerezza di questa ulteriore riflessione, ma... il Presidente della nostra Federazione ha la facoltà di non rispondere? E in base a quale norma dello statuto? Oppure i Consiglieri a nome degli Associati a questa Federazione, non hanno facoltà di fare domande? E in base a quale norma dello Statuto?

Forse sig. Presidente si renderà conto che è proprio non rispondendo, che Lei potrebbe alimentare l'insorgere di qualche ragionevole dubbio sulla trasparente conduzione della Federazione e non certo perché noi non Le crediamo. Converrà con noi che per poter condividere le sue motivazioni in tal proposito, è necessario conoscere le sue risposte in proposito.

IL PRESIDENTE DENUNCIA: "POLEMICHE INFAMANTI SU DI ME"

Le polemiche non avvantaggiano certo chi le fa, come neanche a chi forse sono rivolte, sono solitamente però, il risultato di qualcosa di poco trasparente. Altrimenti dove tutto è chiaro e trasparente, sicuramente non avrebbero modo di esistere. Sig. Presidente la prego, chiarisca, rendendo trasparente la sua importante carica elettiva, così che nessuno possa permettersi di poter dubitare della sua gestione...

Forse non rammenta Le fu detto in Consiglio che i termini delle convenzioni con WTKA e FIMT l'avremmo dovute ugualmente rispettare, e che sarebbe stato pericoloso interrompere in questo modo le convenzioni, perché avrebbero potuto provocare un fronte unico contro di noi e un avvicinamento di tutti i concorrenti alla wtka... e così infatti e nostro malgrado... è successo!

Sig. Presidente, non vorrà mica dirci che non possiamo mettere in discussione le sue decisioni? Questo è parte dell'onere del suo incarico ed a cui non può sottrarsi, ma darne conto a tutti gli Associati che lo hanno eletto alla guida della Federazione.

La confusione di questi giorni, credo proprio sia figlia della poca chiarezza nelle sue decisioni Federali, che forse si sommano a valutazioni sulle convenzioni in atto, a cui si è voluti venir meno e dar fine prematuramente, nonostante segnali premonitori.

Se quindi è come giustamente ci dice sig. Presidente, che ha usato il sito federale per l'immagine trasparente della Federazione, credo proprio che ora altrettanto spazio dovrà dare a coloro che lavorano nella nostra Federazione per la trasparenza e democratica partecipazione, come a questa mia legittima, educata e serena risposta. Ma vorrei precisare che io non utilizzo questo spazio per difendermi dalle sue accuse, solo per stimolarla ancor una volta, a screditare le voci, i dubbi sulla sua conduzione e dimostrandoci con prove alla mano, che sono del tutto irreali.

Mi creda sig. Presidente, qua nessuno vuole infangare l'immagine della Federazione ma tutti vogliono una Federazione che possa rispondere alle esigenze degli Associati e non dove gli Associati possano pensare che debbano solo rispondere alle esigenze del Presidente. Ma sicuro non sia il suo caso, sono proprio per questo certo che opererà al meglio per darne tangibile prova. Credo che la critica ed il dialogo costruttivo sia proprio, anche, se non soprattutto... questo.

Con grande rispetto

Roberto Fragale


AddThis


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Quanti siamo?

Number of visitors Online: 118

Eventi in Discoteca

Newsletter

mail

Ricevi automaticamente le nostre ultime notizie direttamente via mail. Aggiornamenti, eventi, tutto ciò che è importante conoscere direttamente nella tua casella di posta.